De Rossi: “Si spegne un sogno che avevamo. Di Francesco? Speriamo di andare avanti tutti insieme”

Daniele De Rossi ha parlato a Sky Sport al termine di Porto-Roma.

La partita di oggi dimostra che la squadra c’è e che c’è anche l’allenatore? “Assolutamente deve essere una spinta, perché il nostro campionato, la nostra stagione, non finisce assolutamente oggi. Si spegne un sogno che avevamo ma abbiamo tante altre partite. Per avvicinarci al quarto posto dobbiamo vincere le prossime due partite, visto che ci sarà anche lo scontro diretto Milan-Inter. Quindi forza, piangiamo stasera ma da domani ricominciamo a pensare al nostro lavoro”.

Con Di Francesco?
“Mi auguro di sì. Io non entro in queste tematiche che riguardano la società, riguardano il mister, riguardano loro. Mi auguro di sì. La squadra non deve dimostrare niente, non ha mai fatto cose particolari nei confronti del mister, ha sempre dimostrato di esserci, a volte ha giocato molto male assolutamente, come domenica, ma ha sempre dimostrato di essere una squadra seria. Questa sera la squadra ha dimostrato di esserci al 100% con la testa, col cuore in quello che stiamo facendo ed è compreso anche il nostro allenatore”.

Il caso del rigore non concesso a Schick:
“Qualcuno si è sentito rispondere delle cose un po’ confuse. Adesso l’ho rivisto ed è rigore e non va bene. Siamo usciti dalla Champions lo scorso anno dicendo che se ci fosse stato il Var saremmo arrivati in finale e invece è andata così. Il Var è uno strumento eccezionale, in futuro sarà perfetto come succede negli sport americani. Questo errore è umano, non è errore della macchina. E’ un peccato perché sarebbe stato epico passare col 3-2”.

Tanti errori durante la partita:
“Loro sono stati bravi, con tanti giocatori nel mezzo a toglierci spazio. Nei primi 90 minuti loro hanno fatto meglio, poi la partita si è allungata e abbiamo avuto le migliori occasioni. Se ci fossero i punti come nella boxe, considerando anche la partita d’andata, avremmo meritato di passare. A volte perdi meritatamente come nel derby, stai zitto e abbozzi, mentre stasera fa male e la dinamica è dolorosa”.

Poco incisivi a livello offensivo:
“Era diventata una partita un po’ disordinata. Loro tenevano palla ma nei contropiede siamo stati pericolosi e forse non ci abbiamo creduto abbastanza. Siamo stati meno convinti, anche rispetto all’andata quando eravamo stati bravi a creare occasioni”.

Sei sempre tu il rigorista?
“Siamo tre i rigoristi nella squadra, c’è anche Kolarov. Il mister ci lascia libertà. Diego mi ha detto di tirarlo, Aleks anche”.

L’anno prossimo giocherai?
“Ho detto ai ragazzi di riportare questo “vecchio” a giocare nuovamente la Champions. C’è grossa amarezza anche per quello. Decideremo il da farsi. Stasera pensiamo al grosso sacrifico della squadra, al futuro ci penseremo nei prossimi mesi”.

Il ginocchio come va?
 “Quello va bene, ora è il polpaccio”.

Vi è stato comunicato qualcosa su Di Francesco?
“No, assolutamente no. Poi non voglio commentare questa cosa perché è delicata. Speriamo non succeda niente, speriamo che lo sforzo della squadra sia sufficiente per andare avanti tutti insieme. Il mister è una persona seria e rimarrà l’allenatore che ha portato la squadra in semifinale di Champions League dopo non so quanti anni e penso che la partita di questa sera sia un attestato di stima, di fiducia e di altro tempo”.

Warning: curl_setopt() [function.curl-setopt]: CURLPROTO_FILE cannot be activated when in safe_mode or an open_basedir is set in /home/admin/domains/centrosuonosport.it/public_html/wp-includes/Requests/Transport/cURL.php on line 391