Gonalons si presenta: “Ringrazio Monchi e Di Francesco per la fiducia. Voglio vincere con questa maglia”

Le dichiarazioni di Maxime Gonalons nella sua conferenza stampa di presentazione.

Perché hai scelto la Roma? 
“Buongiorno a tutti, intanto mi scuso perché non parlo ancora l’italiano, inizierò ad impararlo presto. Sono molto contento di essere qui. Ho scelto la Roma perché la Roma è un grande club. E’ vero, le cose si sono svolte molto rapidamente e non appena ho visto che a Lione la situazione si faceva un po’ difficile e ho sentito dell’interesse della Roma non ho esitato a scegliere questo grande club. Sono tanto contento di essere un giocatore della Roma e farò del mio meglio”.

Di Francesco nelle partite di allenamento ti ha schierato metronomo. Hai parlato con il tecnico? “Ho già parlato con lui, ovviamente con l’aiuto del traduttore perché parliamo due lingue diverse. So che quello per lui è un ruolo molto importante e il mister mi ha dato da subito molta fiducia. Il motivo per il quale sono oggi qui è che ho firmato per la Roma e quando un allenatore ti dimostra fiducia non resta che impegnarsi al massimo, lavorare duramente e cercare di ricambiare questa fiducia. Naturalmente dovrò adattarmi a una  nuova cultura e ad un nuovo tipo di gioco. Il campionato italiano è un campionato molto difficile e dovrò impegnarmi al meglio per poter esprimere il mio potenziale sul campo”.

De Rossi nella Roma gioca davanti alla difesa. Tu pensi di poter trovare spazio anche come mezz’ala? “So che al mio fianco ho un grandissimo calciatore che è De Rossi che opera in quella zona del campo. De Rossi è un grandissimo calciatore che ammiro da tempo, per me è sempre stato un esempio e avrei voluto emulare il suo tipo di carriera restando sempre nella stessa squadra. Purtroppo però non è stato possibile a Lione e le cose sono andate diversamente da come avrei voluto. Quindi adesso sono felice di essere qui e non mi resta che imparare da un giocatore come De Rossi. In ogni caso non c’è dubbio che il mio ruolo preferito è quello davanti alla difesa”.

Quali sono le tue aspettative per questa stagione? “Desidero ringraziare il direttore Monchi e l’allenatore per la fiducia che mi hanno dimostrato e per avermi portato qui. La nostra è una squadra molto forte, che gioca in un campionato molto competitivo. Sono venuto qui per vincere dei titoli e ovviamente sono consapevole che nel campionato italiano c’è una squadra forte come la Juventus che domina da tanti anni e che ha vinto tanti Scudetti ma faremo del nostro meglio per competere con lei. Ho tanto desiderio di vincere e spero di farlo qui”.

Il divorzio dal Lione e i problemi con Aulas: “E’ vero con il presidente Aulas è successo qualcosa, soprattutto dei malintesi, è successo qualcosa che è stato male interpretato. In ogni caso ho trascorso un’intera carriera e vita a Lione, sono stato lì 17 anni, ho un ottimo rapporto con tutti, compreso il presidente. E’ vero anche, come ho già detto, che avrei voluto fare una carriera alla Totti e alla De Rossi, purtroppo non è stato possibile ma resta il mio grande affetto per il Lione, che è il club che mi ha dato tutto, il club nel quale sono cresciuto, nel quale sono diventato uomo, nel quale ho conosciuto anche mia moglie. In ogni caso avevo voglia di vivere un’avventura nuova all’estero, c’è stata questa bellissima opportunità con la Roma, un’opportunità per me per continuare a crescere con il forte desiderio di vincere titoli, cosa per me molto importante”.

Il centrocampo della Roma attualmente è il centrocampo più forte della Serie A? “Si, sono d’accordo, credo faccia parte di uno dei migliori reparti del campionato italiano. E’ vero, è composto da ottimi elementi, soprattutto da calciatori di grande esperienza e sono sicuro che potremo fare delle grandi cose. Il valore di questa squadra già lo avevo toccato con mano in Europa League, quando le due squadre si sono affrontate e vi posso garantire che per noi del Lione è stata una sfida molto complicata. Questo è stato un motivo in più per potermi misurare, confrontare con giocatori di questo calibro, cosi esperti. Nutro grande fiducia, faremo una grande stagione”.

L’interesse del Napoli e le frasi sulla città. Differenze tra Napoli e Roma: “In realtà avevo già rettificato quello che aveva detto il mio agente all’epoca. E’ vero che il Napoli aveva mostrato un grande interesse nei miei confronti ma io non ero pronto a lasciare Lione, restavano delle cose in sospeso che desideravo completare. A quel punto sono uscite queste indiscrezioni sul fatto che mi fossi lamentato della città, che in qualche modo la temessi, sul club… ma non era assolutamente vero e non voglio neanche qui fare paragoni tra le due città. Mi limito a dire che sono molto contento dell’interesse della Roma, la Roma è un grande club, è cresciuta negli ultimi anni e quando ho saputo del suo interesse non ho esitato a venire qui e proprio per questo motivo tutto si è svolto molto rapidamente”.

 

Il Mondiale di Russia 2018: “Si, può essere, chissà… Questo per me è un anno molto importante e lo può essere anche in chiave Nazionale, anche se è vero che manco lì da un paio di anni per diverse ragioni. Nel frattempo una nuova generazione di calciatori che giocano in Francia e all’estero si è imposta però ecco bon mi pongo limiti, non è un obiettivo che ho ben chiaro nella mia testa però ritengo che se farò bene qui, perché no, magari potrò tornare anche in Nazionale”.

Leave a Reply

*


Warning: curl_setopt() [function.curl-setopt]: CURLPROTO_FILE cannot be activated when in safe_mode or an open_basedir is set in /home/admin/domains/centrosuonosport.it/public_html/wp-includes/Requests/Transport/cURL.php on line 391