Spalletti: “Voglio calciatori capaci di sentire la partita. Siamo pronti per questa sfida”

spalletti-pinzolo
La conferenza stampa di mister Luciano Spalletti alla vigilia del match contro il Porto.
Bruno Peres: “E’ un altro giocatore che abbiamo cercato, perché qualcosa è stato cambiato tra i difensori. E’ un calciatore forte e la Roma vuole essere un club forte e per farlo deve avere una squadra forte e delle riserve altrettanto forti. Bruno Peres ha queste qualità. Lui è forte e trova altri calciatori forti. Ha caratteristiche ben delineate, è un “tutta fascia”. A noi, con quello che ci è capitato, mancava uno in questo ruolo, capace anche di giocare a sinistra, considerando che lo ha fatto durante l’ultima stagione. Florenzi anche ha giocato a sinistra in Nazionale e questo ci dà una possibilità in più.”
Il modello Barcellona nella gestione dei portieri la convince? “Non capisco perché per altri ruoli si può scegliere mentre per i portieri no. Sceglierò in base a quello che vedo. Non ho la soluzione per vincere, ma so quello che devo fare per non perdere. Giocano i migliori.”
Il rodaggio di Strootman è terminato? “Strootman gioca.”
In cosa è diversa questa Roma da quella che ha preso in corsa a Gennaio? “Sono partiti giocatori forti e sono arrivati giocatori forti con delle esperienze importanti. Questo ha dato una spinta di professionalità e di esperienza al nostro spogliatoio. Quando ci metti queste qualità il carattere viene fuori di conseguenza, altrimenti in quei club non ci puoi stare. Noi siamo forti da tutte le parti e pronti per questa sfida importante.”
Dzeko e la sua importanza nella sfida di domani: “Domani voglio calciatori che stiano dentro la partita, che riempiano la partita perché spesso, poi, nelle nostre valutazioni su chi far giocare, si porta dentro quello che è il gesto, un gol. Se pensiamo che in una partita ci sono 55 minuti di gioco effettivo, anche meno, se si pensa che ci sono 22 giocatori in campo, un calciatore la palla la tocca per un minuto e mezzo, e per gli altri 88 minuti e mezzo deve fare altro. Gli altri, dentro lo zaino, per andare a fare la festa, ci devono mettere troppe cose che, ovviamente, non entreranno tutte, quindi i calciatori dovranno dividersele. Da lui mi aspetto che faccia il suo, anche in fase difensiva.”
Le piace Hector Herrera? “Ci sono state volontà di alcuni club italiani, o almeno ho letto questo, . Non ho parlato con la mia società di questo calciatore, anche se è forte. Non so se la Roma abbia mai fatto delle domande o abbia mai tentato di fare questa operazione. Io non lo ho mai richiesto. Ho altri calciatori forti come Herrera e sono contento dei miei.”
Bruno Peres giocherà la partita di ritorno? “Si, lo vogliamo inserire nella lista UEFA per renderlo disponibile per la partita di ritorno. Sarà a disposizione entro stasera e non lo faremo venire qui.”
Domani giocherà Alisson? “E’ giusto che la formazione io la dica prima ai ragazzi.”
Con Bruno Peres l’AS Roma può giocare con la difesa a 3? “Non giocheremo per sempre con la difesa a tre. Peres sa giocare quarto di difesa o quinto di centrocampo. Ha delle qualità, deve migliorare in altre ricerche. Noi cercheremo di utilizzarle tutte e due. A noi mancava un sostituto in grado di fare questo ruolo, un’alternativa. In undici giorni abbiamo quattro partite importantissime e, come ha detto Daniele, siamo davanti ad una partita molto importante. Poi ce ne sarà un’altra sempre importante e non è facile recuperare, quindi serviranno una ventina di giocatori forti. Lui è molto forte, poi ci sarà da vedere come lavorerà insieme alla squadra.”