Spalletti: “Contro il Napoli non sarà facile. Milik? Infortunio importante ma in vista di sabato non cambia nulla”

Spalletti: “Contro il Napoli non sarà facile. Milik? Infortunio importante ma in vista di sabato non cambia nulla”

Queste le dichiarazioni di Luciano Spalletti rilasciate ai microfoni di Premium Sport.

L’infortunio di Milik. Un vantaggio per la Roma in vista di sabato? “Con Milik il Napoli ha fatto un investimento importante, perché è un calciatore forte. In generale perdono un buon calciatore ma in funzione della partita non perdono la loro forza perché Gabbiadini ha dimostrato di avere le giocate da campione. Non sarà più facile per noi. Contro il Napoli sarà una partita importante che può dare entusiasmo all’ambiente. Sarà un match delicato e difficile e per questo bisognerà farsi trovare pronti”.

La Roma subisce troppi gol: “Ci manca l’equilibrio di squadra in funzione di quelli che sono i numeri. Io penso che ci sia un po’ di casualità in quello che è successo, sia in un senso che in un altro. Dobbiamo migliorare la fase difensiva, dobbiamo fare dei passi in avanti più velocemente possibile perché abbiamo già lasciato dei punti importanti per strada”.

Il futuro di Totti: “Lo vedo per il momento calciatore, perché lui deve far bene questo. A mettere le mani avanti si rifà quel giochino che gli toglie forza per quello che può dare alla nostra squadra. Per il momento deve pensare a fare il calciatore e deve vedere uno sbocco anche in questa direzione perché ama far questo, gli piace il contatto con lo spogliatoio, con il campo, con l’erba. Ora che gli si vuole diminuire questa vita qui lui ci si attacca sempre di più ed è sempre più presente negli allenamenti. Si vede che cura il suo tempo per fare bene l’allenamento, non so se riuscirà in futuro più a sentirsi in un modo o in un altro, ma questa è una cosa che deve dire lui e dev’essere convinto di poterla fare con grandissima qualità: com’è stato calciatore la stessa qualità la deve proporre in qualsiasi ruolo andrà a fare, anche se non sarà facile. La Roma da qui in avanti ha necessità di vincere ed è un lavoro a tempo pieno. Lo sport in generale è un lavoro a tempo pieno, ci sono migliaia e migliaia di tifosi, persone ed interessi dietro. E’ uno sport ma bisogna essere professionali e professionisti, precisi e attaccati e sbagliare il meno possibile, soprattutto nelle intenzioni e nell’impiego del proprio tempo”.