Home News Roma Garcia a Marsiglia, Pallotta risparmia 10 milioni

Garcia a Marsiglia, Pallotta risparmia 10 milioni

1188
0
Rudi Garcia a Marsiglia: lo manda Franco Baldini. L’ex tecnico giallorosso è senza panchina da 9 mesi, pagato dalla Roma con cui ha un contratto fino al 2018, ma sembra arrivato al punto di svolta. Destinazione Olympique Marsiglia, un ritorno a «casa» per l’allenatore francese, che ha incontrato i nuovi dirigenti del club transalpino ed è vicinissimo all’ ingaggio. La società sta cercando, infatti, il sostituto di Franck Passi, perche nonostante il successo di domenica scorsa contro il Metz non sta soddisfacendo le aspettative con i 12 punti in 9 partite e la dodicesima posizione in classifica. Il Marsiglia ha da poco cambiato proprietà, il nuovo patron Franck McCourt, americano come Pallotta, è in buoni rapporti con Franco Baldini, il dirigente toscano tornato recentemente ad operare a Trigoria, pur tenendosi a distanza, in qualità di consulente del presidente romanista. E non solo: avrebbe infatti avuto un ruolo, secondo i rumors, nel passaggio delle quote dell’Olympique al gruppo a stelle e strisce, che l’ha rilevato dalla russa Margarita Louis-Dreyfus.

Dovesse concretizzarsi il trasferimento di Garcia al club francese, a sorridere sarebbero le casse giallorosse: la Roma risparmierebbe quasi 2 anni interi di stipendio, traducibili in circa 10 milioni di euro lordi. Baldini aiuterebbe Pallotta a fare economia e consegnerebbe una nuova panchina a Rudi: due colpi in uno, insomma. Voci sul futuro del tecnico si sono rincorse per tutta l’estate e ultimamente a Milano si è parlato di lui per il dopo-De Boer (in caso di esonero), ma la strada verso Marsiglia è spianata e non è un caso se il procuratore di Garcia è stato avvistato a Trigoria nei giorni scorsi: oltre alla risoluzione del contratto, potrebbe essere stata l’occasione giusta per parlare dell’intervista non autorizzata a ‘Tiki Taka’, che ha spinto la Roma a valutare una multa per Rudi. La firma con l’Olympique siglerebbe la pace. Adieu senza rimpianti.

(Il Tempo – E. Menghi)