Spalletti: “Abbiamo pagato quel metro di meno. Dobbiamo pedalare”

Spalletti: “Abbiamo pagato quel metro di meno. Dobbiamo pedalare”

Queste le dichiarazioni di Luciano Spalletti al termine della partita contro l’Austria Vienna.

La partita: “Ce la prendiamo un po’ comoda, si fa un metro di meno e quando trovi avversari che non hanno nulla da perdere e che si giocano la vita quel metro lo paghi”.

La crescita del gruppo a che punto è? “Stasera non abbiamo fatto una brutta partita, perché l’abbiamo condotta bene. Potevamo fare diversamente, potevamo sfruttare altre occasioni, per cui la partita l’abbiamo fatta. Quando è tranquilla si diventa faciloni e si fa il metro di meno. Quella palla del secondo gol va accompagnata fin quando non va fuori. E’ cosi, per cui se ci piace cosi bisogna rizzarsi sui pedali e pedalare”.

Manca la maturità nella squadra? “Può essere, nel senso che noi quando facciamo qualcosa di buono subito prendiamo una posizione comoda dell’essere un po’ faciloni, perché pensiamo che la partita successiva può essere la conseguenza della precedente. Stasera non abbiamo fatto male fino al 3-1, abbiamo retto bene creando anche altre opportunità che non abbiamo sfruttato. Secondo me ho fatto le sostituzioni giuste, dando l’impressione di voler vincere ancora la partita. Tornando indietro rifarei le stesse cose perché erano quelle giuste. Poi però abbiamo preso due gol in pochi minuti e ci siamo complicati la vita”.

Il metro in più andava fatto anche in avanti? “L’abbiamo fatto, abbiamo pressato, non sempre, però abbiamo pressato e a volte qualche metro te lo devi prendere perché alcuni giocatori non sono al meglio della condizione. Abbiamo molti giocatori infortunati però è vero che in casa, contro un avversario cosi, si può mantenere la pressione costante sui difensori. Non avevamo subìto molto gli avversari”.

La squadra ha capito male il senso delle sostituzioni? “Ora mi torna comodo dire che la critica è facile farla ma non sempre si ha ragione. El Shaarawy mi ha chiesto la sostituzione, e spero non si sia fatto male. Florenzi mi ha chiesto la sostituzione, ed erano già cinque minuti che me la chiedeva. Ho tolto Iturbe per mettere un calciatore più difensivo sulla destra e poi ho spostato Radja in quella posizione. Sono state sostituzioni obbligate. L’Astra Giurgiu ha vinto? Col culo si fa poca strada, senza metri si fa poca strada. Volevo mettere Strootman ma ha questo problema e sul 3-1 non ho voluto rischiarlo. Avrei anche dato un senso difensivo alla squadra”.

Gerson: “A me piace la valutazione di Leonardo” .

Fa fatica come mezz’ala: “Fa fatica, per cui i dieci metri che ha giocato più dietro gli hanno dato beneficio. In alcuni casi è stato lento nella scelta e si è fatto portare via palla. Deve crescere ma ha le qualità”.