De Rossi: “Dobbiamo vincere le partite sporche, oggi è stata una di quelle”

Queste le dichiarazioni di Daniele De Rossi a fine partita ai microfoni di Mediaset Premium.

La gara: “Siamo stati bravi, quello che diciamo sempre: le partite sporche le dobbiamo vincere e oggi è stata una di quelle”.
Avete rischiato: “Ho visto tante squadre rischiare, anche la stessa Juventus ha rischiato tante volte in questa prima parte di campionato. In Serie A si rischia. Dopo i primi dieci minuti si pensava fosse una gara senza storia ma non è stato cosi”.
Le parole di Dzeko sul derby. Tu che ne pensi, sei d’accordo?: “Si, probabilmente si. Però la Lazio giocherà in modo diverso dal Pescara. Abbiamo avuto diverse occasioni per andare sul 3-0. E’ normale che se giochiamo cosi andremo difficoltà perché la Lazio è più forte del Pescara”.
La prima Roma di Spalletti e quella di oggi, i cambiamenti della difesa: “In passato c’era un modo di giocare diverso. A quei tempi dicevano che la Roma praticava il calcio migliore d’Europa, aspettando gli avversari e colpendo con un contropiede fantastico. Questa Roma è diversa, ha interpreti diversi rispetto a quella del passato che aveva per esempio calciatori come Taddei e Mancini. Oggi abbiamo calciatori molto forti in fase offensiva e con meno qualità difensiva. Il miglior modo per difendere è cercare di tenere di più la palla e oggi non lo abbiamo fatto per niente dando modo a loro di tornare”.
Che sensazioni hai sulla classifica? “La classifica è cortissima per il secondo-terzo posto, è diventata umana per quello che riguarda il primo. Se la Juventus terrà un ritmo più umano il campionato sarà aperto a lungo”.
Dzeko: “Lui è un bravissimo ragazzo e gli abbiamo sempre voluto bene. La fiducia l’ha presa segnando, più che in base alle nostre parole. Sa che lo stimiamo, poi quando inizi a segnare ritrovi la fiducia. Rispetto allo scorso anno stiamo giocando meglio e molto di più per lui. Non diciamo niente ma il ruolino di marcia è impressionante”.
Il derby: “La Lazio sta facendo benissimo, ha giocatori forti che ad inizio anno forse venivano sottovalutati. Io l’ho sempre considerata una squadra pericolosa ed ora ha trovato la quadratura. Sarà un derby importante anche per la classifica”.
Il rinnovo di contratto. A che punto siamo? “Come prima, non ne stiamo parlando ma non è un assillo. Il mio assillo è la classifica, molto più bella rispetto a ieri e quello è importante. Il resto è importante ma non di vitale importanza”.

foto: asroma