Spalletti: “Vincere il derby ti da una carica emotiva, ora però dobbiamo pensare al Milan”

Queste le dichiarazioni di Luciano Spalletti a fine partita ai microfoni di Mediaset Premium.
La Roma ha dimostrato di voler vincere: “Hanno messo delle qualità, degli ingredienti anche diversi che a noi fanno comodo. E’ un inizio e bisogna vedere se gli daremo seguito. E’ un inizio di completamento, di qualità e di caratteristiche che è ben accetto. E’ vero che la partita non è stata bellissima, perché tutte e due le squadre potevano fare qualcosa in più, ma è stata combattuta, la squadra non ha concesso niente e nel secondo tempo ha giocato bene. Era quello il nostro disegno”.
Difesa a 5?  “Noi in realtà siamo andati a 5 in fase di possesso palla, in fase di non possesso palla siamo sempre andati a 4. Mentre a sinistra c’era da scegliere chi fra i due andava a chiudere sul terzino destro, su Basta, a sinistra era tutto delineato perché su Lulic doveva andare Peres e Rudiger diventava il quarto di destra andando a giocare su Keita. Dall’altra parte Emerson ha fatto una grandissima partita. Vediamo se oggi i rompicoglioni di sempre continueranno, perché Emerson dalla mattina alla sera lo hanno tritato. Vediamo se anche oggi si continua ad insistere su Emerson. Siccome qui si esagera sempre, se non si dice per bene non viene assimilato nella maniera corretta. Senza bavagli. Senza generalizzare? La prossima volta porto il registro di classe cosi mi fate un’altra nota. E’ un ragazzo a cui non è stata data la possibilità di far vedere e oggi si è presa la responsabilità di fare il terzino, creando difficoltà ad Anderson facendo sempre superiorità a sinistra insieme a Perotti. Grandissima partita. Bisogna lasciarlo tranquillo e fargli giocare le partite”.
Quanto è importante presentarsi in queste condizioni contro il Milan? “E’ vero che il derby ti dà la carica emotiva, però noi abbiamo altre mire, la vogliamo guardare anche più profonda la cosa. Lasciamo stare questa partita qui, abbiamo vinto una grande gara perché loro sono una grande squadra, e pensiamo al Milan. Bisogna riuscire ad alleggerire per i calciatori della Roma quella che è l’importanza di questa partita, devono avere aspirazioni più importanti, devono guardare più in là del raccordo”.