Baldissoni: “Lulic? Commesso errore grave, bisogna sempre lanciare messaggi positivi”

Si è tenuta questa mattina a Trigoria la conferenza stampa dell’evento We Are Football. Al termine della stessa il dg Mauro Baldissoni si è intrattenuto con i cronisti presenti.

Le polemiche post-derby: “Non credo che sia corretto parlare di polemiche. Lulic ha commesso un errore grave, credo che lo sappia anche lui, noi non vogliamo entrare in questa polemica. Noi dobbiamo tutti essere consapevoli della nostra responsabilità, lanciare soltanto messaggi positivi e per questo ho apprezzato anche la reazione del nostro pubblico che, rispetto a qualche coro che era cominciato certamente non positivo, ha reagito provando ad interromperlo. Dobbiamo essere consapevoli che siamo responsabili di ciò che succede e dobbiamo lanciare ininterrottamente messaggi positivi. Continuo a dire che siamo tanto belli come siamo, come tifosi della Roma, è stato belle celebrarci ieri, è stato bello celebrare i tifosi stessi dandogli questa opportunità, ed è giusto che anche per loro valga questa indicazione che mi sento di dare: concentriamoci sui messaggi positivi e dimentichiamo le polemiche degli avversari. Se qualcuno commette un errore avrà modo di pentirsi e di far fronte ad eventuali responsabilità”.

Prova tv per Strootman? “Non diciamo cose inesatte. Parliamo dell’iniziativa, altrimenti parliamo sempre di polemiche”.

In Europa alcuni club hanno anche le squadre femminili. La Roma sta facendo qualcosa a riguardo? “La Roma lo sta facendo perché lo stanno facendo tutte le società di calcio di Serie A. E’ stata un’iniziativa corretta della Federazione Italiana che dall’anno scorso ha imposto l’avvio di un percorso di calcio femminile all’interno delle società professionistiche a partire dal settore giovanile per poter crescere e formare delle squadre e quindi questo è già il secondo anno che la Roma ha già il suo settore di calcio femminile all’interno del proprio settore giovanile. Abbiamo tra l’altro due ragazze convocate dalla nazionale Under 16, questo vuol dire che abbiamo già prodotto qualche buon risultato. L’anno scorso abbiamo vinto la Danone Cup in Francia, che è un torneo internazionale per ragazze, per calciatrici del settore giovanile quindi, benché siamo agli inizi di un percorso, evidentemente stiamo raccogliendo qualche buon risultato e in pochi anni avremo la squadra femminile nella massima serie o comunque nei campionati di maggiore interesse. E speriamo che per allora siano diventate di maggiore interesse anche per il movimento sportivo in generale e per il movimento economico”.
La possibilità di raggiungere la Juventus: “Sicuramente è una vittoria che ci pone nelle condizioni migliori. Trampolini di lancio non ci servono, siamo assolutamente determinati nell’affrontare ogni partita per vincerla. Avvicinarsi ad un incontro importante dopo averne vinto uno altrettanto importante è il viatico migliore, la continuità di prestazione sappiamo essere il tema su cui lavoriamo di più quindi ci auguriamo che finalmente un po’ di continuità maggiore ci possa portare a sfidare la Juventus nelle posizioni dove possiamo dire la nostra senza essere sempre chi rincorre”.