Home News Roma Paulo Sousa: “Il percorso della squadra? Merito dei ragazzi. Contro la Roma...

Paulo Sousa: “Il percorso della squadra? Merito dei ragazzi. Contro la Roma ce la giocheremo”

1070
0
MODENA, ITALY - SEPTEMBER 20: Paulo Sousa head coach of Fiorentina during the Serie A match between Carpi FC and ACF Fiorentina at Alberto Braglia Stadium on September 20, 2015 in Modena, Italy. (Photo by Giuseppe Bellini/Getty Images)
Questa la conferenza stampa di Paulo Sousa, allenatore della Fiorentina, alla vigilia del match contro la Roma: “Vogliamo segnare un gol più dei nostri avversari per vincere e questa è l’ambizione che cerco di trasmettere ai miei ragazzi. Non deve cambiare la mentalità tra le partite in casa ed in trasferta e per ora lo stiamo facendo. Dobbiamo essere effettivi e concreti sfruttando da subito le occasioni e magari così indirizzare la gara a nostro favore”.
Il percorso della squadra: “La percentuale maggiore di ciò che di buono stanno facendo è merito loro. Si sono sempre messi a disposizione cercando di migliorarsi. La squadra poi li ha aiutati così come il mio staff”.
La prova contro il Pescara: “Domani sarà una gara diversa, il Pescara non ci permetteva di cercare la porta perché era tutto in difesa con blocchi bassi e linee corte. La Roma ha grandissime qualità, soprattutto in transizione, sanno segnare e sono forti sulle fasce. Capiscono quali spazi devono occupare e questo per chi difende è complicato. Hanno cambiato modulo e struttura rispetto alla gara di andata, ma siamo in grado di difendere bene ed attaccare ancora meglio. Dobbiamo giocare come contro la Juventus? Sono avversari diversi, sappiamo comunque che la Roma ci creerà difficoltà, sicuramente voglio rivedere lo stesso spirito e la stessa intensità”.
Allenare in Serie A: “E’ bello essere in Italia ed allenare in questo campionato per confrontarsi con dei colleghi così bravi. Se ho portato qualcosa di nuovo anche io, ne sono davvero contento”.

Francesco Totti: 
“L’ho già detto, lui è una favola. La parte più bella del calcio è giocarlo, quindi fin quando se la sente deve continuare. Ha tanto da dare alla Roma sia come calciatore che come personaggio dentro la squadra o poi nella società”.
Previous articleTotti: “Vogliamo il nostro Colosseo moderno”. Raggi: “Caro Francesco ti aspettiamo in Campidoglio”
Next articleRoma-Fiorentina: i convocati da Paulo Sousa