Baldissoni: “Lo Stadio? Si deve consentire alle istituzioni di fare il loro lavoro senza condizionamenti” (Video)

Queste le dichiarazioni sullo Stadio della Roma di Mauro Baldissoni, dg giallorosso, a Mediaset Premium: “Intanto consentitemi di sottolineare che noi non abbiamo mai voluto commentare pubblicamente nulla di quanto in questi mesi si è voluto dire, ci teniamo a sottolinearlo perché riteniamo che sia obbligatorio mantenere un profilo istituzionale. Abbiamo interloquito con tutte le autorità competenti, le istituzioni nei tavoli opportuni. Ovviamente prima il Comune di Roma e poi la Conferenza dei Servizi. Rimanere in silenzio immaginate quanto sia complicato, di sciocchezze ne abbiamo sentite a tonnellate, in quantità industriali, vorrei dire soprattutto da persone che non hanno mai letto una riga del progetto, ne conoscono la sua storia. Con convinzione abbiamo ritenuto e riteniamo ancora che si debba discutere nei tavoli competenti, perché si deve consentire alle istituzioni di fare il proprio lavoro, senza avere condizionamenti pubblici o seguendo commenti urlati a destra e sinistra. Vi lascio immaginare quante centinaia di messaggi io abbia ricevuto negli ultimi due giorni. Non parlo degli azionisti della Roma, anche se vi ricordo che è una società quotata in Borsa e quindi ha migliaia di piccoli azionisti pubblici, non parlo neanche degli investitori, parlo dei tifosi, della gente comune. E quando la gente non capisce si fa delle domande, si fa anche dei pensieri strani devo dire. Ci chiede come mai un manufatto che è in totale abbandono, pericolante, pieno anche di amianto, in un luogo degradato e abbandonato a se stesso dove non entra nessuno, dove dunque nessuno lo può vedere, anzi sta collassando su se stesso, meriti improvvisamente, dopo anni che grazie anche a questo progetto la sentenza avrebbe potuto occuparsene, una protezione da impedire un investimento di un paio di miliardi sulla città”.