Premier League: cade il Chelsea, il Tottenham sogna

Il weekend appena passato ha messo in scena la trentesima giornata di Premier League. Quest’ultima ha avuto come nota alta la sfida finita in pareggio tra Manchester City ed Arsenal e come risultati più sorprendenti la sconfitta del Chelsea contro il Crystal Palace e, anche se in tono minore, il pareggio dello United in casa contro il West Brom.

Conte, brutto scivolone- Sono bastati sei minuti per decidere la partita dello Stamford Bridge del Chelsea nel derby contro il Crystal Palace. Tra il quinto e l’undicesimo minuto infatti, dopo il gol di Fabregas arrivato con una penetrazione centrale, Zaha e Benteke hanno ribaltato lo score portandolo sull’uno a due finale. Il congolese e il belga hanno sancito probabilmente la riapertura del campionato visto che alla fine del medesimo mancano ben 8 turni e sette punti di distanza dalla prima inseguitrice, specie in Premier League, non sono affatto una certezza per la conquista del trofeo.

Guardiola e Wenger, pari che rispecchia la stagione- Bellissima è stata anche la partita tra Gunners e Citizens la quale si è conclusa però con un nulla di fatto. Il risultato finale è stato 2-2, ma è un pari che serve a poco se consideriamo gli obiettivi delle due squadre. Belle tutte e quattro le segnature, soprattutto quella di Sané che con un diagonale ha beffato Ospina, mostrando ancor di più a tutti quanti la sua crescita, dopo tante incertezze, all’interno del sistema del catalano.

United pari bruttissimo, Liverpool e Tottenham stellari- Poco da dire sul bruttissimo pareggio per 0 a 0 ad Old Trafford, con le squadre che in campo hanno dato poco mostrando forse i primi segni di stanchezza di fine stagione, discorso questo che giustifica in parte Mourinho che ha visto partire tanti giocatori per le rispettive nazionali e che è ancora in lizza per l’Europa League. Splendide invece le prestazioni dei Reds e degli Spurs. I primi, impegnati nel derby contro l’Everton hanno vinto 3-1, complice un Mané leggendario, protagonista di un gol con un tiro in diagonale arrivato dopo aver mandato al bar tutta la difesa dei Toffees, ma soprattutto grazie ad un Anfield trascinatore come non mai. Ordinaria amministrazione invece per Pochettino che, dopo un primo tempo senza particolari brividi, ha regolato il Burnley fuori casa con una rete in mischia di Dier e un gol di Son servito al ‘75 da uno splendido assist di Dele Alli.

La 31a giornata- Si torna in campo già martedì in terra inglese e le partite interessanti, come al solito verrebbe da dire, sono molte. A partire dal big match tra Chelsea e Manchester City si potranno capire molte cose sul destino di questa Premier League, che in caso di vittoria di Guardiola su Conte verrà definitivamente riaperta. Sono chiamati a match complicati anche l’Arsenal che dovrà giocare il derby contro il West Ham e lo United che vedrà arrivare ad Old Trafford un Everton ferito dalla sconfitta nel derby contro il Liverpool.