Premier League – 35esima Giornata: vola il Chelsea ma il Tottenham non molla

La Premier League non è ancora matematicamente chiusa, ma per tutto l’anno ha avuto un dominatore assoluto, il Chelsea. La vittoria dei Blues sull’Everton per tre a zero è stata l’ennesima prova di forza della squadra di Conte che con questo risultato potrebbe aver inflitto al campionato inglese il colpo di grazia. Probabilmente i Toffees rappresentavano per il pugliese l’ultimo grande ostacolo verso la conquista del torneo anche se ora l’ex trainer della Juventus dovrà stare attento a non far abbassare la guardia ai suoi calciatori dato che il Tottenham ha battuto due a zero l’Arsenal, in quello che era il vero big match della giornata mantenendo così invariate le distanze dal primo posto. Deluse invece le due di Manchester che non sono state capaci di andare oltre il pareggio.

Chelsea, WOW! – I Blues devono ancora giocare quattro partite, è vero, come il Tottenham d’altronde, ma la prestazione e il risultato che il Chelsea ha ottenuto a Goodison Park fanno capire agli Spurs e a tutte le altre diciotto squadre in generale che non c’è storia per quanto riguarda la vittoria finale. Conte batte Koeman tre a zero, mettendo in campo una squadra che ha annichilito gli avversari a partire dal secondo tempo, quando un gol di Pedro con un tiro da trenta metri ha dato il via alle segnature londinesi. Hanno completato poi l’opera Cahill, che manda in porta un assist che definire furbo è dire poco da parte di Fabregas su punizione, e Willian servito ancora dallo spagnolo al centro dell’area per quello che è stato un rigore in movimento. Campionato chiuso? Forse. Fatto sta però che l’ultima big, o presunta tale, è stata superata senza neanche subire gol, ed ora la strada per gli uomini di Stamford Bridge è a dir poco in discesa.

Troppo Tottenham per l’Arsenal – È vero che il Chelsea potrebbe aver inflitto il colpo di grazia per lo scudetto. Il calcio inglese però si distingue dagli altri per la dedizione che ogni squadra mette fino alla fine della stagione, e gli Spurs non sono stati da meno. Wenger è stato asfaltato a White Hart Lane assieme al suo Arsenal e potrebbe aver perso l’ultimo treno per provare a raggiungere i preliminari di Champions. Due a zero è stato il risultato finale, ma sul campo si sono viste tante altre cose belle oltre alle reti. Le due squadre hanno giocato a viso aperto, e forse è stato proprio questo il motivo della sconfitta dei Gunners che hanno mostrato anche alla 35a di campionato le loro falle difensive. Dele Alli, su una ribattuta del portiere avversario e Kane su calcio di rigore, realizzato dopo averlo ottenuto, concedono la vittoria del derby al Tottenham.

 Manchester, delusione totale – Non sono giornate felicissime quelle che i tifosi di United e City stanno vivendo in questo periodo. Le loro squadre, infatti, non sono riuscite ad andare oltre il pareggio contro le rispettive avversarie. Lo Swansea, che con una spettacolare punizione di Sigurdsson al 79° ha pareggiato il match di Old Trafford, ha fatto calare il gelo in casa Red Devils facendo infuriare Mourinho ancora distante dallo storico rivale storico rivale Guardiola. Proprio il catalano però non è riuscito a battere il Boro sul suo campo, in una partita diversa nella forma ma non nella sostanza rispetto ai cugini rossi. È stato provvidenziale Gabriel Jesus che all’85° ha permesso alla sua squadra di ristabilire in parità il risultato dell’incontro, consentendo dunque a Pep di raggiungere il due a due finale, facendo capire però per l’ennesima volta che se il City non cambierà passo e mentalità l’anno prossimo potrebbe essere ancora più dura.

La 36a giornata – La prossima giornata del campionato inglese non sarà ricca di big match visto che l’unico vero grande scontro sarà quello di domenica sette maggio tra Arsenal e Manchester United che farà uscire in caso di mancata parità la vera avversaria del City per la volata finale verso la Champions League. Il Tottenham affronterà, seppur fuori casa, il secondo derby consecutivo contro il West Ham di quel Slaven Bilič tanto in bilico. Il monday night invece vedrà come protagoniste il Boro ed il Chelsea dove Conte potrebbe dare, in caso di risultato negativo degli Spurs, il colpo definitivo alla Premier League 2017/2018.