De Rossi: “Grande notte, ora facciamo un passo in più”

Queste le dichiarazioni di Daniele De Rossi a Premium Sport: “Ve lo immaginate cosa possa significare per noi. Per qualsiasi squadra sarebbe stato un trionfo, anche se siamo solo ai quarti di finale, ma per noi particolarmente, per la dimensione che ha sempre avuto la Roma e questo è qualcosa di incredibile. Ora c’è da fare un passo in più. C’è da giocarsela senza pensare di aver fatto il massimo, senza pensare di aver fatto un miracolo, senza pensare di essere in semifinale così come in vacanza”.

Ci avete sempre creduto? “Eravamo consapevoli che sarebbe stato difficilissimo, però c’era un pizzico di convinzione non so perché, anche la partita dell’andata ci aveva detto che erano più forti, ma non così tanto, che avevano qualità ma non così come qualche anno fa. Se andiamo a rivedere la partita c’erano stati degli episodi così, così, avevamo avuto occasioni, i gol ce li siamo fatti da soli, eravamo stati sfortunati non c’era quel distacco. Da lì a fare 3-0 qui in casa senza subire praticamente niente ce ne passava, siamo stati veramente bravissimi. Il mister soprattutto ha modificato una formazione dal nulla, che non aveva mai provato, in tra giorni ce l’ha fatta entrare in testa e il resto lo abbiamo fatto noi”.
La tua prestazione: “Sono contentissimo ma cerco a 34 anni di essere il più lucido possibile. All’andata avevo fatto una buona partita, poi si parlava solo dell’autogol. Ho fatto altre partite in cui ho giocato meno bene, però non buttandomela dentro da solo sono passate un po’ più nell’ombra. Preferisco fare una partita coraggiosa, con attributi e qualità e magari essere sfortunato su un rimpallo che farmela addosso davanti ad una squadra di giocatori così forti. Non è successo ne questa volta, ne l’altra volta. Sono contento per il mio stato di forma ma giuro che sono contento per i miei compagni che sono troppo bravi: il mister, lo staff e tutti quanti”.
E’ la notte più bella da quando sei alla Roma? “E’ una delle più belle sicuramente, il massimo che potevo volere oggi quando ho passato delle notti meravigliose in passato erano il massimo che potessi desiderare all’epoca. Prima della partita ero quasi commosso nel vedere lo stadio pieno, la gente che ci credeva. Quello che ho detto ai miei compagni è stato che se ci credono loro, non possiamo deluderli, non possiamo farcela addosso. Siamo veramente felici, contenti ed è una delle più belle serate della mia carriera qui a Roma”.

foto: asroma