Di Francesco: “Non si può prendere gol in 11 contro 9”

“È una partita assurda perché non si può prendere gol in 11 contro 9”. Sono le parole di Eusebio Di Francesco a Sky Sport al termine della partita contro il Cagliari, pareggiata per 2-2. “Sono amareggiato e arrabbiato. Per 70 minuti la squadra ha provato a chiudere la partita e mi arrabbio nel vedere degli errori da parte di alcuni ragazzi che hanno il desiderio di far gol e che fanno delle scelte sbagliate. Questo poi porta a queste situazioni di partita, veramente assurde. E’ stata una partita in cui hai concesso poco e niente a loro, anzi hai rischiato di fare il terzo gol, cosa che non hai fatto e questo è un difetto. Potevamo essere più bravi anche nelle scelte. Non siamo riusciti a tener palla, non siamo stati lucidi e ho provato anche a cambiare qualcosa”.

Poi ancora: “Avevo quattro difensori in panchina e poche scelte offensive, al di là di Pastore e Perotti che vengono tra l’altro da un lungo periodo di stop e non possono sostenere una partita di 90 minuti. Ad un certo punto però in difesa erano in cinque, tutti di esperienza, con la capacità di leggere determinate partite, per cui credo che un allenatore risulti relativo durante la gara nello spiegare determinate cose. Questo è accaduto, purtroppo io sono l’allenatore e mi devo prendere le mie responsabilità. Ci sono tanti giocatori fuori, De Rossi sono 40 giorni che è fuori. Spesso in queste gare il poter comunicare con certi giocatori su determinate situazioni per un allenatore è un vantaggio. Ci dovrebbe essere un timeout per far capire tante altre cose. Dal 70° in poi siamo stati troppo fragili dal punto di vista mentale”.