Di Francesco: “Meglio nella ripresa ma è mancata la cattiveria”

Di Francesco: “Meglio nella ripresa ma è mancata la cattiveria”

Queste le dichiarazioni di Eusebio Di Francesco al termine della partita persa contro la Juventus.

“La Roma ha giocato due partite differenti nel primo e nel secondo tempo? Anche la Juve ha giocato due partite differenti, ci sta che una squadra possa fare meglio in un tempo. La squadra ha vissuto le paure delle partite precedenti, nel secondo tempo si è lasciata un pochino andare, nell’aggressione ha accettato più duelli, cosa che volevo vedere anche inizialmente, e siamo stati più bravi nel gestire la palla – ha detto a Dazn. Nel primo tempo abbiamo fatto delle ottime aggressioni e siamo mancati nella scelta finale, nel concretizzare. Loro appena hanno avuto la possibilità hanno calciato in porta e questa è una delle differenze che c’è tra le due squadre. Sono comunque contento della reazione avuta dalla squadra”.

La difesa a tre utilizzata nel primo tempo: “Volevo dare maggiore densità centralmente, cercando di far impostare la palla a Kolarov e allo stesso tempo avvicinare i due attaccanti per essere più pericolosi e creare linee di passaggio importanti. Veniamo da un momento difficile e abbiamo cercato un impatto fisico migliore, in alcuni momenti lo abbiamo fatto bene”.

Aspetti positivi: “L’atteggiamento, la voglia di giocare con dei grandi giocatori l’uno contro uno e l’ottimo palleggio nella metà campo avversaria. Ci è mancato il fatto di andare a concretizzare la grande mole di gioco fatta nel secondo tempo. Tenere la Juventus nella propria metà campo non è facile qui allo Stadium, la squadra è stata brava in questo, però alla fine bisogna anche concretizzare e ci manca un po’ di malizia, un po’ di esperienza nello scegliere soluzioni migliori”.

La prestazione di Schick: “Patrik ha giocato per tutta la partita perché è stato nella partita. Ci aspettiamo possa arrivare più volte alla conclusione ma non è stata una partita facile, lui ha fatto quello che gli ho chiesto di fare”.