VOTI A RENDERE

VOTI A RENDERE

Nuova puntata della rubrica del nostro geniale Paolo che da buon professore, dà i voti al weekend appena trascorso… Una rubrica da non perdere…

10) Inter
Per l’acronimo del , efficacissimo, e per il mancato ricorso.

9) Fabio Quagliarella
Inno al gerovital calcistico, gol spalmati in carriera a tutte le latitudini della Serie A, sempre di fattura straordinaria, nel senso più pieno del termine.
Ha ragione Giampaolo: per il presente, Mancini non può non prenderlo in considerazione.

8) Luis Muriel
Un grande ritorno, in rapporto al momento storico che vive il nostro campionato. Senza scomodare paragoni roboanti per la sua progressione, va detto che quando dieta e motivazioni coincidono è uno dei pochi a poter cambiare le partite da solo.

7) Duván Zapata
Perché solo 7 dopo una giornata del genere?
Ve lo spiego col voto del Frosinone.

6) Robin Olsen
Questa sufficienza va motivata per bene: poteva fare di più su entrambe le segnature granata, in particolare sulla prima. Però ha il “merito” di commettere errori quasi sempre quando la vince. Continuiamo a considerare la fortuna come un merito aggiunto.

5) Gonzalo Higuain
Non all’altezza del suo nome, in questo periodo. Da troppi punti di vista.

4) Walter Mazzarri
Insopportabile nelle sue rimostranze, che abbia ragione o meno nel merito di ogni singolo episodio.

3) Frosinone
Il livello tecnico dell’organico è ben al di sotto di una rosa di Serie A appena decente.

2) La discriminazione territoriale
Tutta, in ogni sua versione. Non solo quella che chiama in causa Napoli, il Vesuvio e il colera.

1) Chi continua a segnalare i cori
Ci vogliono provvedimenti, non casse di risonanza.

(Rivista La Roma – P. Marcacci)

(foto: GAZZETTA.IT)