Di Francesco: “Ripartiamo dalla partita contro il Porto. El Shaarawy in dubbio”

Di Francesco: “Ripartiamo dalla partita contro il Porto. El Shaarawy in dubbio”

Il tecnico dell’AS Roma Eusebio Di Francesco ha parlato in conferenza stampa alla vigilia della partita contro il Bologna.

Il match contro il Porto: “Deve essere un punto di partenza e non di arrivo e quello mostrato deve essere un atteggiamento che ci dobbiamo portare dietro anche domani. Abbiamo speso tanto contro di loro ma la squadra ha dimostrato di avere un equilibrio maggiore sotto tutti i punti di vista, tutti hanno lavorato da squadra”.

Il Bologna: “Il ricordo della gara d’andata non è bello ma ci deve servire per non tornare indietro. Loro sono una squadra diversa, con allenatore, giocatori e gioco diversi. Noi dobbiamo sbagliare il meno possibile”.

Zaniolo ancora esterno alto? “Lo devo tenere in considerazione in quel ruolo perché non ho attaccanti a disposizione, tra l’altro è in dubbio anche El Shaarawy perché durante l’allenamento ha preso un colpo all’anca. Oggi avremo la rifinitura e non so se parteciperà col gruppo, è da valutare. Con Schick e Under non disponibili ho solo 3-4 attaccanti e quindi è probabile che Zaniolo possa giocare lì anche domani”.

La gestione di Zaniolo: “E’ un ragazzo di 19 anni, non deve avere addosso troppe responsabilità e lo dico io da mister. Ne ho parlato anche l’altra volta magari non pubblicamente ma tanto venite a sapere sempre tutto quello che dico anche quando vado fuori. Si è parlato anche di questa maglia 10, è un discorso di crescita, gli sta benissimo la 22 in questo momento con queste prestazioni. Dobbiamo essere bravi noi e l’ambiente a farlo crescere. E’ un giocatore di grande prospettiva che deve ancora dimostrare tante cose”.

De Rossi, Nzonzi e Kluivert: “La gestione di De Rossi è quotidiana. Oggi si allenerà con la squadra e domani potrebbe giocare, anche insieme a Nzonzi. Justin sta affrontando un processo di crescita e gli alti e bassi sono normali. Si allenando bene, ha cambiato il suo modo di affrontare gli allenamenti ed è un aspetto positivo”.

Cosa deve avere in più la Roma rispetto alle altre squadre per centrare il quarto posto? “In più i risultati, perché il Milan sta dando continuità. Ha preso un giocatore che non appena la tocca la butta dentro e questo per loro è molto importante. Il Milan ha dimostrato grande compattezza di squadra contro una squadra che è in ottima forma. Anche noi contro l’Atalanta avevamo fatto un ottimo primo tempo ma siamo mancati nella continuità. Il Milan è una di quelle squadre da battere nella volata per il quarto posto. Ha preso Paquetà, che secondo me è un ottimo giocatore, e Piatek che hanno dato nuova linfa a questa squadra”.