Ranieri: “E’ difficile lavorare in questa condizione ma non ci arrendiamo”

Ranieri: “E’ difficile lavorare in questa condizione ma non ci arrendiamo”

Queste le dichiarazioni di Claudio Ranieri, allenatore della Roma, a Sky Sport dopo la sfida contro il Napoli.

La prestazione della Roma: “Stiamo cercando di fare di tutto, onestamente. Se in un momento così particolare prendiamo gol al primo affondo, riusciamo a pareggiare, onestamente non so come, e alla prima sortita del secondo tempo ci fanno il secondo è dura, è dura perché cerchi di aiutarli ma gli altri corrono di più e ti mettono in mezzo. E’ difficile aiutarli, è difficile lavorare però non ci arrendiamo, cercheremo di fare del nostro meglio”.
I calciatori della Roma vanno piano: “Loro mi hanno detto che si sono potuti allenare poco a causa degli infortuni, per cui hanno fatto di meno, poi giocavano, dovevano recuperare senza allenarsi. Anche le altre squadre sono così? No. Stiamo in questa condizione, io cerco di farli lavorare ma più di tanto non posso perché stanno cosi. Poi Zaniolo venerdì è stato male di stomaco e mi ha chiesto di non giocare. Potevamo fare qualcosina di meglio ma il Napoli in questo momento gioca bene, è in fiducia, fa correre la palla, ha uomini che cambiano posizione e lo sanno fare molto bene”.
Ti aspettavi un gruppo così fragile? “Vedendola da fuori capisci determinate cose, poi da dentro le capisci meglio e cerchi di correre ai ripari. Se non riesci a risollevarti dopo certe sconfitte, se ci sono calciatori, a cui devo dire grazie, che giocano anche se non sono al meglio della condizione, devi fare quello che puoi e purtroppo è questo…”.
Le tue parole dopo Spal-Roma. La squadra si è ricompattata? “Si sono ricompattati perché i calciatori hanno voluto giocare mettendoci la faccia. Cerchiamo adesso di portare in porto la barca nel miglior modo possibile”.
Ti sei pentito di aver accettato la Roma? “Mai, come posso farlo?”.
Ora bisogna isolarsi? “Dobbiamo isolarci e pensare che tra due giorni ci sarà un’altra partita e mi auguro che le partite ci facciano da allenamento”.