Centro Suono Sport – Antonio Filippini: “Paulo Fonseca? In Italia bisogna essere preparati sotto l’aspetto tattico”

Il Podcast dell’intervento di Antonio Filippini (06-06-2019) ai microfoni di Centro Suono Sport all’interno del programma L’Università del Calcio.

Come mai tanti allenatori stanno rifiutando la Roma?
“Se l’Atalanta non fosse andata in Champions, Gasperini avrebbe accettato la Roma. Purtroppo per la Roma ha fatto un grande risultato e hanno raggiunto la Champions League. Purtroppo ci sono delle coincidenze, come Conte che è andato all’Inter e a volte non capita la situazione giusta. Mihajlovic poteva andare ma ha fatto talmente bene a Bologna che il presidente rossoblu si è innamorato di lui, per cui ci sono anche delle situazioni secondo me morali che ti fanno rimanere in un posto invece di cambiare aria”.

Le proprietà straniere in Italia.
“L’Inter da quando è stata comprata dai cinesi è tornata in Champions League. Di Pallotta si ricorda l’ultimo anno però la Roma in Champions League è arrivata in semifinale. Il Milan dopo stagioni deludenti quest’anno si è giocato all’ultima giornata la Champions League, per cui è un cambio generazionale che avviene non solo nel calcio, però, ma nel mondo. Le frontiere si sono aperte e dobbiamo farne un’abitudine importante. Dimenticavo il presidente del Bologna che ha costruito una squadra all’altezza e ha fatto un grandissimo risultato con Mihajlovic. Bisogna dargli il tempo di lavorare”.

Paulo Fonseca e la Roma.
“Per gli allenatori è più facile che un italiano vada all’estero che il contrario. Noi siamo la patria della tattica e in Italia se non si è preparati tanto sotto l’aspetto tattico si può incappare in brutte stagioni e la Roma dovrà considerare anche questa cosa, anche se parliamo di un allenatore che predilige il gioco. Abbiamo visto il suo Shakhtar”.

ASCOLTA L’INTERVENTO COMPLETO!