Centro Suono Sport – Sebino Nela: “Diawara alla Roma? Gioca troppo la palla in orizzontale e va poco al tiro”

Centro Suono Sport – Sebino Nela: “Diawara alla Roma? Gioca troppo la palla in orizzontale e va poco al tiro”

Il podcast dell’intervento di Sebino Nela (21-06-2019) ai microfoni di Centro Suono Sport all’interno del programma Io Sto con Centro Suono Sport.

“Boom abbonamenti? 16.000 non sono tanti se pensiamo alle persone che ci sono in città, ma se li paragoniamo allo scorso anno e se consideriamo che sono andati via De Rossi e Totti, è un ottimo dato. Clausola Manolas? De Laurentiis ha voluto fino all’ultimo centesimo per la vendita Higuain, ognuno fa il suo gioco. Credo che la Roma si sia comunque mossa per tempo e non dovrebbe avere difficoltà a estinguere questo debito entro il 30 giugno. Diawara? Mi aveva fatto subito impressione, poi seguendolo con attenzione alla Domenica Sportiva, parlando con gli altri opinionisti, ci siamo accorti che gioca troppo palla orizzontale, va poco in verticale e poco al tiro. Fa passaggi sostanzialmente semplici. Tra lui e Veretout? Bisogna capire come vorrai giocare, poi non è detto che siano dei titolari in questa Roma. Barella preferisce l’Inter? In questo l’Inter è una squadra che ha obiettivi e prospettive ben precisi, la Roma in questo momento no. L’Inter potrebbe competere per vincere il campionato il prossimo. Il portiere della Roma per il prossimo anno? Vanno fatti i complimenti a Mirante per quello che ha fatto, ma prenderei un portiere più giovane come titolare. Vedendo i nomi che circolano credo che la Roma voglia fare una squadra di buon livello, che l’allenatore possa poi aumentare questo livello col suo lavoro”.

“Non mi aspettavo che i dati d’ascolto sul calcio femminile fossero così alti. Con questo mondiale è esplosa la curiosità verso questo movimento. Fa bene a tutti, ma soprattutto a noi che facciamo parte di questo movimento, visto che siamo un po’ indietro rispetto ad altre federazioni. Il mondiale può dare una grande spinta al calcio femminile italiano. Da centrale di difesa il più difficile da marcare è stato Van Basten, il centravanti più forte di sempre. Da terzino dico Causio”.

ASCOLTA L’INTERVENTO COMPLETO!