ROMA-BORUSSIA MONCHENGLADBACH | LIVE (EUROPA LEAGUE – GIR J – 4ª) | 1-0 al 45′, decide per ora Zaniolo

All’Olimpico la 4ª giornata di Europa League nel Girone J oppone la Roma di Fonseca padrona di casa, reduce dal deludente pareggio a reti bianche del Ferraris con la Sampdoria, al Borussia Monchengladbach, terzo nel girone (a 2 punti, parimerito con il Basaksehir) ma capolista in Bundesliga. Giallorossi incerottati con Mancini a fare il mediano assieme a Veretout come soluzione estrema all’incredibile sequela di infortuni.


Nicolò Zaniolo, autore dell’1-0

AVVIO BALLERINO DIETRO – Il Borussia Monchengladbach, poco intimorito dal clima piovoso/nebbioso dell’Olimpico, pressa subito la Roma nella propria metà campo e nello spazio dei primi 10′ costruisce già tre nitide palle gol. Prima una traversa in mischia su una punizione dalla fascia, poi due tiri da fuori che hanno sibilato vicino ai pali di Pau López. In evidenza Marcus Thuram, figlio d’arte del celebre difensore Lilian (Parma, Juve e Nazionale Blèu) ed Embolo, pressatore a tutto campo e sempre qualitativo nelle giocate offensive. L’impostazione di Veretout & Co. è difficoltosa a causa della gran corsa dei tedeschi, che costringono i ragazzi di Fonseca a giocare praticamente solo di prima. Dopo il 20′ il match si riequilibra, con la Roma che in un paio di occasioni estemporanee riesce a creare situazioni pericolose, pur senza colpire lo specchio.

Piove ininterrottamente all’Olimpico

LAMPO ZANIOLO, LA ROMA SI SVEGLIA – Al 32′ la Roma, che non subiva già da una decina di minuti l’iniziativa dei teutonici, riesce a prendersi un calcio d’angolo con Dzeko. Veretout batte a giro e Zaniolo va in cielo girando di testa alle spalle di Sommer, fermo come una statua di sale. Ottavo gol per Zaniolo dal suo arrivo nella Capitale, tutti segnati all’Olimpico. Solo 180 secondi per il raddoppio di Dzeko al termine di un buon contropiede dettato da Veretout; peccato che il bosniaco sia di un’incollatura oltre l’ultimo difensore al momento dell’assist: tutto annullato per fuorigioco. In chiusura di prima frazione la Roma controlla i ritmi e si propone in maniera discreta e mentre con la pioggia che infuria le squadre vanno al riposo.