TOP & FLOP + PAGELLE | Smalling, allora fai tutto tu. Kluivert indeciso

TOP & FLOP + PAGELLE | Smalling, allora fai tutto tu. Kluivert indeciso

La Roma torna alla vittoria dopo le due sconfitte consecutive “pre-sosta Nazionali” contro un Brescia parso roccioso nel primo tempo e “friabile” nella ripresa. Due reti dei difensori centrali ed il timbro finale di Edin Dzeko regalano carica e tranquillità per preparare la trasferta di Verona.

CLICCA QUI PER LA CRONACA COMPLETA DELLA PARTITA ROMA-BRESCIA

Pau Lopez 7: Il grande portiere lo vedi quando deve compiere “l’intervento” salva-risultato. Il grandissimo portiere è quello che non fallisce quell’intervento nonostante sia spettatore non pagante per il resto della gara. SVEGLIATEMI SE SERVE

Florenzi 6,5: Qualche goccia di sbavatura in mezzo ad un mare di duttile semplicità. Il ritorno da titolare di Florenzi con la fascia al braccio fila liscio fino alla meritata riappacificazione finale col pubblico. DI NUOVO IN MEZZO A NOI (dal 77′ Santon 6: prova a mettersi in luce sulla destra col Brescia alle corde e mostra voglia indipendentemente dal minutaggio. CAPARBIO)

TOP | Smalling 7,5: Due gol ed un assist sono una manna per la Roma per per il Fantacalcio (tranne per chi lo aveva contro). Spadroneggia più nell’area del Brescia che in quella della Roma. O IL RISCATTO O LA VITA!

Mancini 7: Meriterebbe la palma del migliore in campo per il gol di pregevole fattura. Torna in difesa ma è decisivo in attacco, dopo aver giocato alla grande da centrocampista. METTIMI DOVE VUOI

Kolarov 6,5: Percussore di fascia di per tutta la gara, non riesce a crossare “sopra il giro-vita” per tutto il primo tempo. Il contributo in giocate utili è comunque ragguardevole. ALZA LA MIRA

Veretout 6,5: È in un gran momento atletico e sembra esaltare le doti di chi gli viene affiancato a centrocampo. Gran metronomo e quando serve fa sentire a Tonali & Co. anche il parastinchi. VERO TUTTO

Diawara 6: Forse assolve troppo al “compitino” senza mai esulare dallo spartito, ma tiene sempre bene le distanze chiudendo un paio di contropiede importanti del Brescia di Grosso. SENZA INFAMIA NÈ LODE

Zaniolo 6,5: Si prende un giallo “salta-Verona” prima di uscire dal campo. Malizia (probabile, ndr) a parte, Nicolò è l’unico che “strappi” l’azione d’attacco nel primo tempo. Peccato per il gol annullato per centimetri. CRESCI BENE CHE RIPASSO (dall’80’ Perotti s.v.: non entra quasi mai in possesso palla nei minuti concessi da Fonseca).

Pellegrini L. 7: Alla voce “qualità nella giocata di prima” in Serie A trovi pochi eguali. Se non avessimo saputo dai trascorsi giallorossi della sua assenza lunga due mesi, non ce ne saremmo mai accorti. ESSENZIALE (DAL 72′ Under 6,5: Vuole partecipare alla festa del gol nel secondo tempo cercando spesso il sinistro a giro. Quando va a testa bassa fornisce buoni sprazzi di Cengiz. DIMAGRITO)

Kluivert 6: In una Roma coraggiosa e capace, lui difetta fatalmente nell’ultima scelta. Ci ripetiamo: se Kluivert è in giornata lo capisci dal primo “stop”, così come quando vive di lune alterne. INDECISO

Dzeko 6,5: Poco cattivo nel primo tempo in area di rigore, si rifà con gli interessi nella ripresa segnando due gol (uno annullato). Sembra essere il giusto padre protettore delle folate offensive della Roma. PAPÀ CASTORO

Fonseca 6,5: Dal tunnel nel pre-gara esce una Roma compassata e poco rapace. Dagli spogliatoi a fine primo tempo esce una squadra incattivita e feroce. Gestisce le forze e benedice i calci d’angolo. CARICAMENTO IN CORSO

REDAZIONE