NEWS AS ROMA | Vitek non compra, altro rallentamento nel progetto dello stadio a Tor di Valle

Radovan Vitek non ha ancora acquistato i terreni di proprietà di Parnasi e non si è quindi fatto carico dei debiti pendenti per accontentare Unicredit. Voci vicine alla società giallorossa auspicavano un’accelerazione entro Natale, per velocizzare anche la trattativa che porterebbe Friedkin al timone della Roma al posto di Pallotta. Così ad ora non è stato…

CI RIVEDIAMO L’ANNO PROSSIMO – Se ne riparla nel 2020. Come ogni anno, purtroppo, la questione stadio continua a balzare agli onori delle cronache per i continui rinvii e poco più. La convenzione urbanistica non è ancora stata firmata e con ogni probabilità non verrà presa in esame dal Comune di Roma prima dell’inizio dell’anno prossimo. Lo “stop” a Vitek equivale ad un posticiparsi anche della questione che riguarda il passaggio di proprietà. Finché l’imprenditore ceco non diverrà l’interlocutore principale nelle concertazioni tra A.S. Roma e Comune, a Friedkin e Pallotta mancherà un elemento chiave da inserire nella trattativa per il cambio al timone. 600 milioni è la richiesta del bostoniano, che non trova ad ora il “placet” del texano proprio perché nella valorizzazione dell‘asset giallorosso lo stadio di proprietà continua a restare un enorme punto interrogativo irrisolto.

REDAZIONE