CALCIOMERCATO AS ROMA | Il Marsiglia di Rudi Garcia su Javier Pastore, Juan Jesus in uscita

CALCIOMERCATO AS ROMA | Il Marsiglia di Rudi Garcia su Javier Pastore, Juan Jesus in uscita

Come in ogni calciomercato di gennaio a farla da padrone sono più le voci in uscita che in entrata. Nel caso della Roma di Fonseca, fresca di conferma al quarto posto in chiusura di 2019, si tratta di un puntellamento non semplice per “alzare la qualità della squadra”.

PAROLA DI MORGAN – Proprio Morgan De Sanctis nell’immediato prepartita di Fiorentina-Roma ieri sera così si era pronunciato: “È difficile migliorare la squadra a gennaio, bisogna puntare su delle occasioni ma non è semplice”. Di qui è facile spostarsi alla voce cessioni, dove molti giocatori sono stati accostati alla porta d’uscita di Trigoria nelle ultime settimane. Chi aggiungere quindi? E soprattutto, chi cedere senza rimpianto alcuno?

PASTORE E JUAN JESUS? – Il difensore brasiliano ex Inter non vede il campo da settembre e, con i continui avvicendamenti motivati da infortuni e squalifiche, il messaggio di Fonseca pare chiaro. Nei momenti d’emergenza è stato sempre preferito Cetin, sia a partita in corso che dal 1′ (come col Wolfsberger). Le croniche amnesie che gli venivano riconosciute già ai tempi di Milano fanno pensare che si possa fare un passo oltre il brasiliano, che proprio negli scorsi giorni era stato accostato alla Fiorentina dell’ormai ex mister Montella. Per Javier Pastore il discorso è diverso: infortunatosi oramai quasi un mese fa, l’argentino aveva dato grandi segnali di ripresa nel momento d’emergenza sanitaria del centrocampo giallorosso. Molti tifosi, quasi da un giorno all’altro, hanno cambiato prospettiva e visuale sul Flaco e una sua partenza direzioneMarsiglia (da Rudi Garcia, ndr) non è percepita felicemente dalla piazza.

QUESTIONE UNDER – Una delle poche note dolenti dell’avvio di stagione romanista risponde al nome di Cengiz Under. Dopo un avvio confortante per prestazioni e gol, il turco dopo l’infortunio si è trasformato in un fantasma. Poche presenze, sparse in partite dove il rendimento non ha mai sfiorato la sufficienza. Un’aggravante poi è parsa evidente: l’atteggiamento “stanco & svogliato” quando è stato inserito a gara in corso. Futuro incerto per un capitale della Roma, che sperava poter mettere a referto quest’anno la definitiva consacrazione, anche in ottica plus-valenze di mercato…

REDAZIONE