PAGELLONE CENTROSUONOSPORT | Federico Fazio: tanto impegno, troppe sbavature

PAGELLONE CENTROSUONOSPORT | Federico Fazio: tanto impegno, troppe sbavature

In chiusura di 2019 vale la pena stilare un primo bilancio, prima delle vacanze natalizie, del rendimento individuale dei componenti della rosa consegnata nelle mani di Paulo Fonseca. I voti numerici e i giudizi sono riferiti a questo primo scorcio di stagione 2019/2020 e non all’intero anno solare.

ALTO MINUTAGGIO, ALTA TENSIONE – Una delle pecche dell’avvio di stagione della Roma è stato quello di non sostituire sempre con lo stesso livello di solidità le prestazioni del duo Smalling-Mancini. Quando in mediana non c’erano più interpreti all’infuori di Veretout, Fonseca ha pescato al centro della difesa la soluzione Gianluca Mancini: in quel momento Federico Fazio è divenuto il compagno di merende obbligato per Chris Smalling. L’argentino ha alternato buone prestazioni fatte di esperienza e rocciosità ad altre dove il suo “essere statico” ha creato più di un problema a Pau Lopez e compagni. L’espulsione di Udine (non ha preso altri cartellini in tutto il resto della stagione) è stato un momento “flop” ma non per sua colpa, bensì per un’invenzione fantasiosa e cervellotica del fischietto Irrati. Il gol/autogol in casa del Borussia Monchengladbach è stata un po’ la cartina tornasole del suo avvio d’annata. Ha giocato quasi il 50% dei minuti a disposizione, non gli si può imputare troppo, ma non si può neanche essere completamente soddisfatti da quello che a tutti gli effetti è il primo rincalzo della seconda difesa meno battuta del campionato…

VOTO 5,5 – PRESENTE, MA NON TROPPO

REDAZIONE