CONFERENZA STAMPA AS ROMA | Fonseca: “Kalinic può essere utile. Peres va recuperato fisicamente. Friedkin? Penso a lavorare con tranquillità”

CONFERENZA STAMPA AS ROMA | Fonseca: “Kalinic può essere utile. Peres va recuperato fisicamente. Friedkin? Penso a lavorare con tranquillità”

Tutto pronto al Centro Sportivo Fulvio Bernardini di Trigoria per la prima conferenza stampa dell’anno 2020 di mister Paulo Fonseca, in preparazione di Roma-Torino, gara valida per la diciottesima giornata di Serie A.

Si è conclusa la sosta natalizia. Come ha ritrovato il gruppo alla ripresa degli allenamenti? La squadra sta bene, è motivata. Domani è importante vincere per iniziare bene l’anno.

Il Torino ha perso contro la Spal prima della sosta. Che squadra si aspetta di trovare? Le ultime tre partite fuori hanno fatto bene, vincendone due e pareggiandone una. Il Torino sarà aggressivo e forte in difesa.

Petrachi ha tolto dal mercato Kalinic e ha detto che Bruno Peres potrà avere una chance. Che ne pensa? Kalinic sta migliorando in allenamento di settimana in settimana. Non è facile cambiare giocatori a gennaio migliorando il livello della rosa. Per noi è importante che Kalinic rimanga. Bruno Peres è un giocatore della Roma a fine prestito e Petrachi lo conosce bene. Abbiamo parlato di lui e ha iniziato a lavorare con noi da due giorni a questa parte. Vediamo se potrà aiutarci. Per ora non sta benissimo fisicamente.

Che ne pensa del ritorno di Ibrahimovic? Cosa può portare alla Serie A? A me non piace parlare dei giocatori di altre squadre, ma Ibra è un grandissimo giocatore ed è positivo che possa giocare nel nostro campionato.

Secondo Petrachi non è facile migliorare la rosa. Secondo lei serve un giocatore per reparto per vincere qualcosa. Quest’anno sarà possibile ambire a vincere qualcosa? Per me la squadra deve pensare di gara in gara e vincere le partite. Gli altri discorsi non mi interessano.

Ha detto che Zaniolo è un talento acerbo che ancora può migliorare. Che margine di crescita ha Zaniolo per lei? Zaniolo ha sempre margine per migliorarsi, anche come altri giocatori. Tatticamente lui non eccelleva, oggi è un giocatore che cerca e trova lo spazio nel tempo giusto. Sta migliorando la capacità di prendere decisioni.

Come state vivendo l’imminente cambio di proprietà? Non ne abbiamo mai parlato. Io sono l’allenatore e parlo molto con Fienga e Petrachi. Lavoro con tranquillità.

Under è un giocatore che l’ha delusa? Punta ancora su di lui? Io non penso individualmente ai miei giocatori in questo senso. Under fa parte della squadra e deve lavorare per farsi trovare pronto.

Come stanno Kluivert e Pastore? È d’accordo con Petrachi quando parla di costo alto per i biglietti dello stadio? Non parlo di queste cose con la società. Abbiamo sempre tanti tifosi in ogni stadio in cui andiamo a giocare. Kluivert ha iniziato a lavorare con noi in gruppo ma non è pronto. Pastore ha una situazione diversa, con un trauma osseo che è un problema più difficile da risolvere: servirà più tempo.

Siamo abituati a polemiche inerenti agli orari delle gare. La Roma giocherà spesso di sera. È un fattore che influirà? L’unica cosa che non mi piace è il fatto di non avere 72 ore di riposo tra una gara e l’altra. Sono questioni che riguardano la televisione e non è positivo recuperare poco.

“Le squadre di Mazzarri sono sempre tra le più fallose del campionato e il Torino è maestro nello spezzettare il gioco. Mister, lei è soddisfatto di come la sua squadra approccia alla scelta di fare fallo quando si trova senza palla?” Sì, senza promuovere le scorrettezze, posso dire di essere molto contento di come la mia squadra decida o meno di fare fallo.

REDAZIONE