TOP & FLOP + PAGELLE | Diawara l’unico a salvarsi. Di Kluivert si vergognerebbe anche il padre…

TOP & FLOP + PAGELLE | Diawara l’unico a salvarsi. Di Kluivert si vergognerebbe anche il padre…

La Roma torna da Torino con un 3-1 che la elimina dalla Coppa Italia. La Juventus, tranne per i primi 20′, è padrona del campo e dispone come meglio crede delle varie crepe apertesi in una squadra scollata e poco motivata. Fonseca deve recuperare mentalmente la truppa in vista del derby, dove in queste condizioni si rischia la figuraccia anche contro la Lazio.

Pau Lopez 5,5 – Va giù forse troppo morbido sul mancino di Cristiano Ronaldo, ma è difficile addossargli altre colpe. Nel momento della tormenta a fine primo tempo, quando la Roma rischiava una nuova “Firenze”, respinge quel che può, come può. QUASI INCOLPEVOLE

Florenzi 4,5 – Non si sa perché, non si sa come, al 26′ lascia scoperta la fascia a Cristiano Ronaldo e recupera con effimera lentezza. Per il resto sbaglia tantissimo, davanti crea poco e ci mette lo zampino spesso nel facilitare il compito agli juventini. SOSTITUITO PER SCONFORTO (dal 68′ Veretout 5,5 – Entra in una partita già pesantemente indirizzata e non fa troppo per mettere i suoi muscoli al servizio della causa. Gli diamo il voto solo perché sta dentro più di mezz’ora. MOSSA DISPERATA).

Smalling 5,5 – Sbaglia un paio di piazzamenti importanti e si prende troppe licenze, anche nel momento in cui la Juve soffia venti brutali verso la difesa romanista. Troppo lontano dal compagno di merende, che forse fa peggio di lui. PRESUNTUOSO

Mancini 5 – Se non chiudi con foga e abnegazione su un attaccante come Cristiano Ronaldo – esattamente – chi dovresti chiudere alla disperata? La Roma stava giocando bene sino all’1-0 di CR7 e lui arriva molle sia sul portoghese che su Bentancur (2-0). FLEMMA IMMOTIVATA

Kolarov 5 – Da lui ci si aspetta lo scatto d’orgoglio ed esperienza che salvi la truppa mentre si imbarca acqua. Non rende pratica nemmeno mezza parola del concetto precedente, facendosi travolgere dalle generali amnesie. Spinge poco e male. SERBO RANCORE

TOP Diawara 6,5 – Se la Roma non avesse perso 3-1, avremmo dovuto dargli 7. Letteralmente l’unico a salvarsi, con i soliti passaggi ben orditi e la calma olimpica in mezzo al traffico. Bravo nel non farsi coinvolgere nella serata vacanziera degli altri compagni di ventura. SALVATE IL SOLDATO AMADOU (dal 76′ Peres S.V. – Entra per dar fiato al miglior centrocampista della Roma del momento prima del derby).

Cristante 4,5 – Bryan fa quattro passi indietro dopo le buone prestazioni offerte dal rientro in campo. Sbaglia mille passaggi, quasi tutte le letture e si prende licenze di cui non dovrebbe farsi carico nemmeno quando splende il sole in casa Roma. Figurarsi in una notte (fonda) del genere. SPAESATO

Under 5 – Sarebbe anch’egli da 4,5 non fosse per il tiro potente che dopo aver sbattuto sulla traversa prende la mano di Buffon dando un senso alla trasferta romanista all’Allianz Stadium. Per il resto un fantasma irritante e impalpabile. CASPER, PARTE II

Pellegrini 5 – Parziale attenuante il problema alla caviglia a fine primo tempo, anche se non è che prima avesse prodotto chissà che. Di Pellegrini la classe non è in discussione, anche se il suo “latitare” in serate del genere, quando invece dovrebbe sospingere i compagni oltre le difficoltà, comincia a diventare un problemino. MAGNIFICO QUANDO TI VA

Kluivert 4 – Anche il padre Patrick ha spento il televisore a fine primo tempo bestemmiando il creato per ogni giocata sbagliata del figlio. A inizio ripresa, mentre le blasfemie proseguivano ancora in onda lunga, per fortuna Fonseca decide di risparmiare uno strazio ai tifosi nel secondo tempo, inserendo un “salvifico” (il che è tutto dire, ndr) Santon. Semplicemente tutto quello che un giocatore non dovrebbe fare, per di più contro la famelica Juve Campione d’Italia. HO FINITO I SANTI DA TIRARE GIÙ (dal 46′ Santon 5,5 – Impossibile fare peggio del Kluivert visto nella prima frazione, Santon ogni tanto scende con discreto coraggio sulla destra, anche se i risultati a livello di fornitura assist sono come al solito scadenti. AL POSTO DI KLUIVERT AVREBBE BRILLATO PURE GIUCAS CASELLA).

Kalinic 4,5 – Stava per meritarsi qualcosa in più quando sbaglia un gol che avremmo segnato anche noi con le mani legate dietro la schiena. Sgomita nel primo tempo, sgomma nel secondo tempo… ma di gol, manco a parlarne. In fondo… è solo un attaccante. NON SEGNI MANCO DAL PANETTIERE

Fonseca 5,5 – Prende mezzo voto in più del dovuto solo per il fatto di risparmiarci Kluivert anche nel secondo tempo. Sì, la Roma è di nuovo in emergenza, ma ci sono troppi passi indietro individuali e collettivi dopo Genoa-Roma per non poter fare qualche importante riflessione. Squadra spenta e poco combattiva, che si è data per vinta subito dopo aver incassato l’1-0. SGONFIATO