CONFERENZA STAMPA AS ROMA | Fonseca: “Pastore e Perotti convocati. Cristante giocherà titolare. I rinforzi arriveranno in questi ultimi giorni, state tranquilli”

CONFERENZA STAMPA AS ROMA | Fonseca: “Pastore e Perotti convocati. Cristante giocherà titolare. I rinforzi arriveranno in questi ultimi giorni, state tranquilli”

È tutto pronto per la conferenza stampa pre-derby di mister Paulo Fonseca. Il pubblico delle grandi occasioni fuori Trigoria ha accolto l’uscita dei giocatori dal centro sportivo dopo l’allenamento odierno, tanto da bloccare la viabilità intorno tutta la zona relativa a Trigoria.

Abbraccio tra i tifosi e la squadra a Trigoria. Quanto vi incoraggia? Per noi è bellissimo vedere questo appoggio dalla parte dei tifosi romanisti. Sono molto contento di vedere questo tipo di sostegno da parte dei nostri tifosi, per noi è importantissimo. Loro ci sono stati in tutti i momenti. Hanno sempre avuto un sostegno importante per noi, in questo momento noi dobbiamo lottare per loro e fare una buona partita perché loro meritano il nostro impegno.

Quali sono le condizioni della squadra alla vigilia e c’è qualche giocatore che può recuperare? Pastore e Perotti saranno convocati seppur partiranno dalla panchina. La squadra sta bene ed è motivata e fiduciosa.

All’andata avete sofferto molto con la Lazio che arrivava spesso al tiro. Giocherà con la difesa a 3?  Giocheremo con la difesa a 4. Indipendentemente se giocheranno Santon, Spinazzola, Kolarov o Florenzi.

Come sta oggi Kluivert? Sta meglio rispetto all’ultima partita. Con questa situazione di Perotti e Zaniolo, Kluivert era infortunato ed ha dovuto giocare per forza senza riuscire ad allenarsi. Era stanchissimo dopo Genoa-Roma e abbiamo dovuto schierarlo anche a Torino con la Juventus. Ho parlato con lui, era stanchissimo. Lo abbiamo recuperato questa settimana, domani vedremo un Kluivert diverso.

Cristante dovrebbe giocare la terza gara in 10 giorni dopo il lungo infortunio. Giocherà lui o alzerà Mancini? Che pensa dell’infortunio di Diawara? Sono ottimista per Diawara. Non c’è bisogno di compiere ora l’intervento chirurgico, dobbiamo aspettare i prossimi giorni per vedere cosa fare col ragazzo. Oggi Diawara mi ha detto che sta molto meglio di ieri. Cristante giocherà a centrocampo, in questo momento non abbiamo altre soluzioni: se mettiamo Mancini a centrocampo è diverso e mi costringe a cambiare in due settori del campo.

In questa partita conterà molto l’aspetto psicologico. Chi ha pensato a caricare la squadra in questi giorni? Noi parliamo sempre tutti insieme. Le parole e le esigenze dei giocatori sono importanti. Per questa gara sono tutti motivati da soli, è una partita speciale.

Qualche anno fa un tesserato della Roma disse: “Il derby non si gioca, si vince”. È della stessa opinione? Questa frase è interessante: chi gioca meglio ha più possibilità di vincere. Se giochiamo sperando nella fortuna, le possibilità di perdere sono molto alte. Se avremo iniziativa, dominando la partita e giocando con coraggio avremo più chance di vittoria.

Nell’ultimo mese abbiamo visto un Kolarov più scarico: dal suo lato giocherà Lazzari, giocatore chiave di questa Lazio. Ha pensato a qualcosa di particolare? Vedremo domani.

La Roma ha vinto 11 partite e delle prime in campionato ha battuto solo il Milan. Si aspettava di fare meglio nei Big-Match? Abbiamo perso solo con la Juve tra le prime. Non penso al \risultato prima della partita. Qui in Italia è sempre difficile vincere, sia con la Juve che con la Spal. L’importante è avere coraggio e ambizione di vincere sempre.

Si sente di dire che la Lazio sia più forte della Roma? In questa vigilia calorosa con i tifosi, stanotte c’è stato uno striscione poco simpatico per Zaniolo. Che ne pensa? Chi ha messo quello striscione non è una persona che ama il calcio. La classifica dice che sono più forti perché sono avanti a noi. Noi siamo quarti e loro terzi: dobbiamo dimostrare in campo domani la nostra forza.

Mister, lei è scaramantico? Onestamente non penso a queste cose. Devo pensare a quello che la squadra può fare nel presente con questi giocatori. Sono preoccupato per gli infortuni e ho paura di non avere soluzioni. Non ho mancanza di fiducia nei giocatori, questo mai. È inutile lamentarsi.

Sembra più sereno rispetto a dopo Juve-Roma. Si aspetta qualcosa dalla società? Che ne pensa di Perez? Quello che ho promesso noi abbiamo mantenuto: avere coraggio, giocare per vincere. Non sono le sconfitte con la Juve e col Torino che cambia quello che io penso. Nessuno può dire che abbiamo giocato senza coraggio. La Juventus è una squadra molto forte, ma non abbiamo rinunciato a giocare mettendoci solo in difesa. Abbiamo preso due gol in 8′ nella prima gara con la Juventus: non è facile per una squadra avere una reazione come la nostra. Anche in Coppa Italia abbiamo preso 3 gol e siamo tornati in campo a fare gioco senza paura. Questo per me è importante. Sul mercato posso dirvi che non sono arrabbiato con nessuno: io sto lavorando con Petrachi per portare le migliori soluzioni per la Roma in questo momento. Sono molto fiducioso per la chiusura del calciomercato di gennaio.

Politano rappresenta un’occasione mancata? Non sono deluso da questo. Devo dire che quando abbiamo pensato a un giocatore per la posizione di Zaniolo abbiamo ponderato 3-4 soluzioni. Abbiamo avuto la possibilità dello scambio con l’Inter e non l’abbiamo fatto. Non voglio parlare del perché. Petrachi ha difeso gli interessi della Roma. Non è arrivato Politano? Abbiamo altre possibilità!

Affronterete una squadra brava ad attaccare la linea difensiva in verticale. Nell’identità della Roma c’è il fatto di difendere alto. Succederà anche domani? A me piace difendere lontano dalla nostra porta e proveremo a farlo anche domani. Se ci obbligheranno a difendere bassi lo faremo, ma in generale vogliamo difendere alti.

Cercate un attaccante più fisico o più “piccolo”? Abbiamo una lista con un giocatore piccolo, uno medio e uno alto. Vedremo. Le caratteristiche per me sono chiare. Per me deve essere un giocatore veloce bravo a giocare dentro al campo e a dare profondità.

Lei ha capito quanto è importante questa gara per i romanisti. Come ha visto Pellegrini e Florenzi? Punterete forte sull’Europa League? Penso solo alla partita di domani in questo momento. Florenzi e Pellegrini li ho visti carichi, così come tutti gli altri compagni di squadra. Qui tutti sappiamo quanto è importante questa partita. Se Florenzi e Pellegrini la sentono di più non cambia molto: ho visto i giocatori sereni ed equilibrati.

REDAZIONE