CENTRO SUONO SPORT 101.5 | Petruzzi: “Il trasferimento a Caserta, la maturità calcistica e il ritorno a Roma”

CENTRO SUONO SPORT 101.5 | Petruzzi: “Il trasferimento a Caserta, la maturità calcistica e il ritorno a Roma”

Il Podcast dell’intervento di Fabio Petruzzi (06-04-2020) ai microfoni di Centro Suono Sport all’interno del programma 1927 – La Storia Continua

“Dopo il mio esordio ufficiale con la Roma, al termine della stagione, il mio procuratore Dario Canovi mi chiamò per dirmi che c’era la possibilità di trasferirmi a Caserta. È iniziato il calcio vero per me, dopo i tanti anni di giovanili nella Roma e l’esordio, trovai calciatori esperti, c’era anche un giovanissimo Ravanelli.

Assaggiai le vere difficoltà del professionismo capendo che avrei dovuto cambiare marcia. Feci un tunnel nei primi allenamenti ad uno dei più esperti, qualcuno si mise a ridere, l’allenatore no. Capii che avrei dovuto cambiare alcuni atteggiamenti. Sul pallone dopo presi una randellata che mi fece capire che non si scherzava più, ci si doveva allenare seriamente per preparare la gara della domenica.

Attraversai un periodo di difficoltà all’inizio, volevo tornare a Roma nonostante i miei compagni mi spingessero a restare. Tornai ad allenarmi da solo il 31 dicembre, ormai ero diventato un difensore centrale da centrocampista che ero all’inizio della mia giovane carriera. Venne squalificato Manzo, un centrale d’esperienza, e il mister mi scelse dall’inizio. Da quel momento facemmo 17 risultati utili consecutivi, con solo due gol subiti e vincemmo il campionato di Serie C.

Sono tornato a Roma dopo due anni di Casertana, a Trigoria c’era Boskov che parlò molto bene di me sui giornali, ebbi però la sfortuna di farmi male alla spalla nel primo allenamento in fase di preparazione per un colpo fortuito subito da Andrea Carnevale”.

ASCOLTA L’INTERVENTO INTEGRALE!