CENTRO SUONO SPORT 101.5 | Giuseppe Brindisi: “Giusto ascoltare gli scienziati ma servono decisioni politiche. Molte regioni sono ancora in piena fase uno”

CENTRO SUONO SPORT 101.5 | Giuseppe Brindisi: “Giusto ascoltare gli scienziati ma servono decisioni politiche. Molte regioni sono ancora in piena fase uno”

Il Podcast dell’intervento di Giuseppe Brindisi, giornalista di Rete 4, (30-04-2020) ai microfoni di Centro Suono Sport all’interno del programma 1927 – La Storia Continua

È comprensibile che il mondo calcistico spinga per ripartire, anche se non principalmente per una motivazione economica, ma ritengo che il nostro sistema non sia in grado perchè la situazione sanitaria non è ancora stabilizzata. Non ci sono le condizioni per andare allo stadio e anche con gli impianti chiusi, si offrirebbe uno spettacolo senza pubblico. Ci sono calciatori ancora positivi dopo due mesi, è duro accettarlo, ma il calcio in queste condizioni faticherà a ripartire.

Sono scettico anche sulla graduale ripresa che sarà avviata da lunedì, ci sono quattro regioni che non sono ancora pronte, poichè ancora immerse in piena fase 1. Aggiungo che quello che sta avvenendo in Calabria, dove fortunatamente la situazione dell’epidemia è più contenuta rispetto ad altre realtà, è decisamente rischioso. Lunedì sono già sold out treni e altri mezzi per gli spostamenti da una regione ad un’altra, si rischia l’esodo che avvenne a febbraio con gravissime risultanze su possibili nuovi focolai.

Gli scienziati stanno affrontando una novità assoluta, un virus che era sconosciuto e rispetto al quale serve una cautela straordinaria. Affidarsi a loro è giusto, ma le decisioni devono essere politiche. Basarsi solo sugli scienziati vuol dire arrivare alla dittatura degli scienziati, servono decisioni politiche e ho paura che in Italia si siano prese troppe decisioni condizionate dai medici, che spesso hanno mostrato idee diverse su alcune tematiche relative al coronavirus. È giusto affidarsi alla fine al buon senso e alla responsabilità degli italiani. Bisogna sopportare questa cattività e sperare che questa emergenza finisca il prima possibile”.

ASCOLTA L’INTERVENTO INTEGRALE!