ESCLUSIVA CENTRO SUONO SPORT 101.5 | Jonathan Bachini (ex Udinese): “Alla Dacia Arena, gara difficile e per niente scontata”

ESCLUSIVA CENTRO SUONO SPORT 101.5 | Jonathan Bachini (ex Udinese): “Alla Dacia Arena, gara difficile e per niente scontata”

Jonathan Bachini, ex giocatore, tra le altre, di Udinese e Brescia è intervenuto ai microfoni di Centro Suono Sport 101.5 durante la trasmissione “Borderò”. Queste le sue parole:

Come ha visto l’Udinese in questo inizio di campionato?
“Le prime partite non hanno dato buone indicazioni alla formazione di Gotti. Il calcio è cambiato molto e non mi ha sorpreso la sconfitta interna con lo Spezia. C’è, comunque, tutto il tempo per rimettersi in carreggiata.”

Che partita sarà Udinese-Roma?
“L’Udinese deve dimostrare tanto. La Roma è favorita ma la gara non è già scritta. I bianconeri saranno molto aggressivi perché hanno già un grande bisogno di punti. La voglia potrebbe essere un fattore.”

De Paul è pronto per approdare in un top club?
“Giocare in una grande squadra è totalmente diverso dalla piccola piazza. Quando l’occasione arriverà, vedremo di che pasta è fatto. Quando io passai alla Juventus fu difficile, ma riuscii a cavarmela. Nel contesto attuale, comunque, è senza dubbio superiore alla media. E’ la punta di diamante.”

Che cosa pensa dell’evoluzione del calcio moderno?
“Non sono entusiasta dei cambiamenti che stanno avvenendo nel mondo del pallone. Un tempo la qualità era fondamentale, oggi si punta più sulla struttura fisica. Il livello si è dunque molto abbassato. Il calcio di un tempo era più sfacciato, diretto. Oggi, invece, si bada troppo alla tattica e poco alla fantasia. Spesso i giocatori rinunciano alla giocata individuale, in nome di una manovra più conservatrice.”

Che cosa pensa del lavoro svolto da Paulo Fonseca, fin qui, a Roma?
“È un allenatore che mi piace, non ha fatto male. Magari non è facile mettergli a disposizioni i giocatori giusti per il gioco che vuole proporre. La Roma, comunque, è  da quarto posto. La conferma di Smalling e l’aver trattenuto Dzeko potrebbero risultare decisivi.”

Ha giocato per cinque stagioni con Roberto Baggio, ci racconta un aneddoto?
“Ultima giornata di Serie A, Bologna-Brescia, dovevamo vincere per raggiungere la salvezza e uno dei fratelli Filippini rischiò di farsi espellere. Al che Roby gli si avvicinò e gli disse “noi non abbiamo bisogno di restare in dieci, ma di restare in Serie A”. Sul Baggio calciatore c’è ben poco da commentare, semplicemente uno dei migliori di sempre.”

REDAZIONE