ESCLUSIVA CENTRO SUONO SPORT 101.5 | Vittorio Sgarbi (deputato e sindaco di Sutri): “L’informazione ha terrorizzato il popolo che non è più in grado di distinguere tra il negazionismo scellerato e le argomentazioni logiche”

ESCLUSIVA CENTRO SUONO SPORT 101.5 | Vittorio Sgarbi (deputato e sindaco di Sutri): “L’informazione ha terrorizzato il popolo che non è più in grado di distinguere tra il negazionismo scellerato e le argomentazioni logiche”

ESCLUSIVA CENTRO SUONO SPORT 101.5 | Vittorio Sgarbi (deputato e sindaco di Sutri): “L’informazione ha terrorizzato il popolo che non è più in grado di distinguere tra il negazionismo scellerato e le argomentazioni logiche”

Il deputato e sindaco di Sutri, Vittorio Sgarbi, è intervenuto ai microfoni di Centro Suono Sport 101.5 durante la trasmissione “Borderò”. Queste le sue parole:

Che cosa pensa del nuovo decreto-legge?
“È il terzo DPCM della settimana. Ciò significa che non hanno le idee molto chiare e infatti continuano a contraddirsi e a creare disagio. Le persone, purtroppo, per paura di vari fattori, si piegano dinnanzi a quella che è una privazione delle libertà personali. I ristoratori fanno parte di un settore necessario: è un servizio essenziale, così come i trasporti e i musei, lo dice la legge. Lo Stato deve migliorare l’efficienza degli ospedali e delle terapie intensive, senza continuare la sua politica intimidatoria e ingiustificata, basata sull’apparenza”.

Come mai lo Stato, tra primavera ed estate, non si è adoperato nel garantire le migliorie necessarie?
“Il governo dovrà rispondere di questo errore. Bisogna discernere tra il reale rischio e quello che ci viene fatto credere. La malattia porta alla morte solo gli ultraottantenni, non i giovani. Bisognava aumentare, dunque, i posti delle terapie intensive, senza tuttavia creare questo panico ingiustificato. Invece ci si trova in una situazione di assoluta incertezza psicologica, che è assolutamente illegittima. L’informazione ha terrorizzato il popolo, che non è più in grado, a causa degli errati messaggi recapitati, di distinguere tra il negazionismo scellerato e una fondata tranquillità basata su argomentazioni logiche. La libertà personale è stata limitata”.

LA REDAZIONE