ESCLUSIVA CENTRO SUONO SPORT 101.5 | Daniele Frongia (Assessore allo Sport del Comune di Roma): “Il Flaminio un progetto ambizioso. Abbiamo fatto il possibile per aiutare la Virtus Roma. Lo stadio si farà”

ESCLUSIVA CENTRO SUONO SPORT 101.5 | Daniele Frongia (Assessore allo Sport del Comune di Roma): “Il Flaminio un progetto ambizioso. Abbiamo fatto il possibile per aiutare la Virtus Roma. Lo stadio si farà”

L’Assessore allo Sport, Daniele Frongia, è intervenuto ai microfoni di Centro Suono Sport 101.5 durante la trasmissione “Borderò”. Queste le sue parole:

Il Comune poteva adoperarsi maggiormente per aiutare la Virtus Roma?
“Da parte nostra, c’è stato un impegno pedissequo per tentare di aiutare la società. Si è stati costantemente in contatto con la dirigenza e con dei potenziali sponsor. La Virtus Roma era l’unica società del campionato priva di uno sponsor, dunque di un’entrata fondamentale per mantenere in vita una società. Non siamo stati aiutati dalla Regione, che si è dimostrata sfavorevole a destinare fondi, tramite la Fiera di Roma, al basket. Abbiamo promosso, in Campidoglio, un’iniziativa di riscontro popolare che non è poi decollata. È, tra l’altro, un tema che mi è particolarmente caro, essendo un tifoso della Virtus e un grande appassionato di basket. Il comune ha fatto tutto ciò che era in suo potere per aiutare il club”.

Come procedono i lavori relativi al risanamento del Palazzetto e dello stadio Flaminio?
“Fin dal 2016 abbiamo lavorato per trovare una soluzione al problema del Palazzetto. Quanto emerso dai numerosi sopralluoghi effettuati, è stata una insormontabile difficoltà, dovuta alla situazione degli impianti di areazione, idrici, strutturali, dovuta a una errata gestione dell’impianto negli ultimi 25 anni. Abbiamo, comunque, deciso di investire nel risanamento della struttura, ma la burocrazia e le tempistiche ci hanno impedito di ottenere risultati concreti nel breve periodo. Nel 2021 inizieranno i lavori. Il Palazzetto non morirà, c’è un bando di 3 milioni che è stato approvato per finanziare la riabilitazione. Lo stadio Flaminio ha una storia molto complessa. È stato messo in sicurezza, bonificato, predisposto a una manutenzione e a una riqualificazione tanto dell’impianto in sé, quanto dell’area circostante; un progetto ambizioso e che tra gennaio e febbraio potrà iniziare a prendere forma più concretamente”.

A che punto siamo con il progetto “Stadio della Roma”?
“Non seguo in prima persona la vicenda, ma i rallentamenti di questi ultimi tempi sono dovuti all’attesa per l’accordo, circa la ferrovia Ostia-Lido, con la Regione. Credo vi sia un interesse comune per questa opera utile e strategica, tanto per la città, quanto per la AS Roma. Lo stadio si farà”.

Come descriverebbe la collaborazione con la FIDAL per l’organizzazione dei prossimi Europei di atletica leggera?
“Il comune ha già profuso un notevole impegno per la realizzazione di questa manifestazione. Ci si sta adoperando per sostenere uno sviluppo della competizione che possa rendere orgogliosi i cittadini e che possa svolgersi in luoghi storici, magari inusuali per eventi di questo tipo”.

REDAZIONE