ESCLUSIVA CENTRO SUONO SPORT 101.5 | Marco Bellinazzo (Il Sole 24 ORE): “In questo momento sarebbe necessario un Ministro dello Sport. Non c’è ancora l’accordo per i diritti televisivi in Italia, molti club europei guardano al modello NFL”

Marco Bellinazzo, giornalista de Il Sole 24 Ore, è intervenuto ai microfoni di Centro Suono Sport 101.5 all’interno del programma “Crossover“. Queste le sue parole:

“Mai come in questo momento sarebbe necessario un Ministro dello Sport. L’assemblea di ieri per decidere sui diritti televisivi è saltata perché non è stato raggiunto il numero minimo sufficiente di società presenti.

L’offerta di DAZN per il prossimo triennio è la più vantaggiosa economicamente: 840 milioni di euro per sette partite a cui si dovrebbero aggiungere altri 70 milioni circa per i diritti delle restanti tre. L’offerta complessiva non è molto lontana dai ricavi garantiti in quest’ultimo triennio e considerando la crisi è comunque un risultato positivo.

SKY offre complessivamente meno, circa 750 milioni di euro, ma si è proposta di creare un canale della Lega attraverso cui questa potrebbe poi vendere a sua volta alcune partite ad altri provider per ottenere ricavi ulteriori.

La Champions League incassa 3.2 miliardi all’anno, secondo molti club europei questo numero non è sufficiente. Il riferimento è l’NFL che, pur coinvolgendo un numero minore di appassionati rispetto al calcio, riesce comunque a generare introiti maggiori. L’idea della Superlega nasce da questo: creare un modello molto simile a quello che c’è negli Stati Uniti, con una competizione relativamente chiusa. La risposta della UEFA va verso una riforma della Champions League dal 2024, che attraverso un numero maggiore di partite, dovrebbe aumentare i ricavi, cosa non riuscita negli ultimi anni.

Nessun fondo d’investimento sarebbe disposto a mettere soldi in un campionato nazionale senza la certezza che questo venga mantenuto competitivo allo stesso livello. Probabilmente si ragionerà sul modello che sta portando avanti la Bundesliga: una partnership con i fondi per la vendita dei diritti all’estero”.

ASCOLTA L’INTERVENTO COMPLETO!